02/09/13

GIORNATA INTERNAZIONALE DEL PIEDE TORTO CONGENITO - METODICA PONSETI (prima edizione)


Il 12 ottobre 2013, all'interno della Rassegna Reatech Mico Milano, si terrà la prima edizione della Giornata Internazione del piede torto congenito - metodica Ponseti, con la prima Italian Ponseti Races (la corsa dei bambini curati con il metodo Ponseti). 

Il metodo Ponseti ha cambiato radicalmente la prognosi dei bambini affetti da piede torto, in quanto è in grado di rendere un piede malformato anatomicamente e funzionalmente normale senza dover ricorrere a trattamenti chirurgici invasivi e dolorosi.

Sviluppato dal Dottor Ignacio Ponseti (Ciutadella di Minorca 1914 – Iowa 2009) ed applicato con successo su centinaia di migliaia di bambini in tutto il mondo, è ormai riconosciuto dall'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) come la tecnica di trattamento più efficace per la cura della patologia.

Negli ultimi anni questo straordinario metodo di cura ha cominciato ad affermarsi in Italia anche grazie al supporto dei genitori, i quali, animati da spirito di gratitudine per i risultati ottenuti, hanno usato tutti i mezzi comunicativi possibili (passaparola, fogli informativi, siti Internet e blog, social network ecc.) per diffondere la conoscenza del metodo e orientare l’utenza interessata verso i medici italiani accreditati dalla PIA (Ponseti International Association).

Tale fenomeno mediatico ha ultimamente raggiunto una tale portata e visibilità tra gli addetti ai lavori da spingere l’Istituto Bocconi di Milano a studiare questo “unicum”, evidenziando come Internet sia ormai in grado di influenzare profondamente le scelte dell’utenza in ambito sanitario.

Questa giornata ha proprio lo scopo di festeggiare i risultati ottenuti in Italia grazie all'introduzione del metodo Ponseti, con la speranza che tale protocollo di cura, come ormai in molti altri paesi nel mondo, possa essere adottato dai principali centri nazionali per i suoi indiscussi vantaggi sia clinici che economici.

Importante novità rispetto a simili iniziative, l'evento si occuperà della patologia a 360°, dalla diagnosi prenatale al percorso di guarigione, presentando il punto di vista del medico ortopedico, del ginecologo, del neonatologo, dello psicologo, dell'economista, del tecnico, dello studioso del web, del dirigente della Sanità e del paziente; vedrà quindi la partecipazione non solo di medici ma anche di altri esperti del settore, di genitori e bambini.

Saranno presenti alcuni tra i massimi esponenti della Ponseti International Association: il dottor Dobbs (inventore della barra dinamica e tra i maggiori studiosi della patologia e delle sue cause), la dottoressa Ey (tra i principali esponenti europei, esperta nel trattamento degli adulti); interverrà in videoconferenza il dottor Morcuende, per anni primo assistente dello stesso professor Ponseti in Iowa; per l'Italia il dottor Diego Bellini e il dottor Sergio Monforte, medici certificati PIA, tra i maggiori punti di riferimento per la cura della patologia nel nostro paese.

Grande spazio sarà dato ai genitori e all'attività dei gruppi di supporto e dei siti informativi presenti su Internet, con le relazioni di Titty Procacci (gruppo di Yahoo Piede torto possibili terapie), Roberta Bardelli (alias Puccina, www.piede-torto.it e www.piede-torto.net), Mattia Ciarletti (gruppo di FB Piede torto congenito), Keti Parolin (telefono SOS PIEDE TORTO, mamma chiama mamma), Valentina Merler (www.piedetorto.bloog.it), Marco Scattolon (attivista nei gruppi) e Gianluca Botturi (www.piedetorto.it). Sarà inoltre presentata la Rete Italiana Piede Torto - Metodo Ponseti, movimento che coordina le attività di supporto dei principali gruppi e siti in Italia sul ptc.

Sono ancora disponibili posti per medici ortopedici e altri operatori sanitari interessati (previsti crediti ECM). Per maggiori informazioni: info@congressiefiere.com.


Potete scaricare locandina e il programma dettagliato della giornata qui:








Per confrontarsi con altri genitori su questi argomenti:

Non chiediamo soldi, solo di aiutarci con la vostra firma. Per firmare non è necessario fare donazioni (i soldi comunque non vanno a noi, ma al sito che ospita la petizione).