24/01/12

OMAGGIO AD IOWA (La storia di Ponseti raccontata dalla moglie Helena)


Omaggio ad Iowa è la storia del dottor Ignacio Ponseti raccontata dalla moglie Helena Percas.
È edito da Città del Sole (2010; 144 pagine).

Potete acquistarlo anche online (ad esempio qui, qui, qui o qui).

Il libro racconta la vita del dottor Ignacio Ponseti, un uomo eccezionale che è cresciuto in Spagna, ha combattuto contro il generale Franco e Hitler, poi si è trasferito in Iowa, dove ha sviluppato il metodo Ponseti per la cura del piede torto, oggi riconosciuto a livello mondiale come il modo più efficace per correggere tale deformità altrimenti devastante.




Ci racconta la vicenda di questo grande medico la moglie, Helena Percas Ponseti (Valencia, 1921). Dopo gli studi in Spagna, Inghilterra, Francia e Stati Uniti, ha insegnato in diverse università americane, dove è stata professoressa di lingue moderne. È autrice di saggi ed articoli sulla letteratura latino-americana ed è apprezzata studiosa di Cervantes, su cui ha pubblicato due libri.


L'opera è tradotta da Cinzia Fazio D'Addetta. 

La famiglia D'Addetta ha un ruolo importante nella promozione del metodo Ponseti in Italia: il dottor Ignazio D'Addetta è tra i pochi in Italia ad aver verificato in Iowa direttamente con Ponseti la corretta applicazione del metodo.

Ormai da diversi anni cura i piedini torti con risultati molto positivi presso l'ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari (CUP 080 5592701, telefonare dal lunedì al venerdì dalle ore 15.30 alle 19.30).

Il dottor D'Addetta ha imparato il metodo da autodidatta e si è recato qualche anno fa in Iowa per frequentare uno stage con Ponseti.

Per informazioni e contatti: dadort2@libero.it.





Per confrontarsi con altri genitori su questi argomenti:

GRUPPO DI FB Piede torto congenito
GRUPPO DI FB Piede torto congenito metodo Ponseti
GRUPPO DI FB Adulti e ragazzi con il piede torto
GRUPPO DI YAHOO Piede_torto_possibili_terapie
Non chiediamo soldi, solo di aiutarci con la vostra firma. Per firmare non è necessario fare donazioni (i soldi comunque non vanno a noi, ma al sito che ospita la petizione).