12/10/12

UTILIZZARE SCARPE DEL TUTORE USATE


Qualche volta i genitori sono costretti ad usare scarpe del tutore usate: ad esempio ci si trova all'estero (come il piccolo Sebastian, nella foto in alto), dove i tutori sono a carico delle famiglie, o non si ha tempo per attendere i tempi della burocrazia, o addirittura l'ASL di competenza nega l'autorizzazione al rimborso. Purtroppo riceviamo sempre più segnalazioni di questo tipo, dovute anche al fatto che il tutore Ponseti non è inserito nel Nomenclatore Tariffario e quindi non è garantito a tutti il pieno diritto al contributo pubblico per l'acquisto. Anche per questo è partita una petizione on line (PIEDE TORTO: cure efficaci e gratuite per tutti i bambini!).

Nel caso ci si trovi nella necessità di utilizzare scarpe usate, come trovarle?

  • Ci si può rivolgere all'ortopedico o all'ospedale: spesso tengono alcune paia smesse dai pazienti, da prestare per i casi di emergenza (vengono raccolte ad esempio all'Ospedale Vittore Buzzi di Milano e al Giovanni XXIII di Bari).

  • Ci si può rivolgere ad altri genitori nei gruppi, ad esempio in questa discussione su Facebook:
    SCAMBIO DI SCARPE USATE DEL TUTORE.

    Nello stesso post potete chiedere informazioni su come far avere i tutori smessi in Africa tramite un'associazione umanitaria.

Una volta trovate le scarpe, come garantire una adeguata pulizia? 

Esistono in commercio appositi prodotti disinfettanti e detergenti in spray o schiuma (ad esempio della Stanhome), mentre per la pulizia ordinaria vedi qui: 




Per confrontarsi con altri genitori su questi argomenti:

GRUPPO DI FB Piede torto congenito
GRUPPO DI FB Piede torto congenito metodo Ponseti
GRUPPO DI FB Adulti e ragazzi con il piede torto
GRUPPO DI YAHOO Piede_torto_possibili_terapie
Non chiediamo soldi, solo di aiutarci con la vostra firma. Per firmare non è necessario fare donazioni (i soldi comunque non vanno a noi, ma al sito che ospita la petizione).