16/03/13

L'ESPERIENZA DELL'OSPEDALE SANT JOAN DE DEU A BARCELLONA

La dottoressa Ey Batlle ha diffuso uno studio su 400 bambini curati con il metodo Ponseti all'ospedale Sant Joan de Déu di Barcellona: i risultati sono ottimi e confermano l'efficacia senza pari della metodica nell'evitare interventi invasivi.
Su 400 pazienti, nessuno ha dovuto subire l'intervento di release postero mediale. Inoltre lo studio è interessante perché dimostra come nel corso degli anni, grazie all'esperienza maturata dai medici e ad un maggiore utilizzo del tutore, i risultati migliorano e diminuiscono le recidive.

Questa la traduzione dello studio:

Risultati ed evoluzione del metodo Ponseti in una successione di 400 pazienti con piede torto idiopatico.

Drs . Ey Batlle, Anna; Minguez, Paula; Vilalta Vidal, Imma ;  Stitzman , Melisa
Ospedale Sant Joan de Déu, Barcellona.

Scopo e Introduzione:

Il metodo Ponseti è considerato attualmente il trattamento standard d'eccellenza del piede torto, offrendo l'indice di correzione più alto senza chirurgia invasiva. Lo scopo del nostro studio è valutare l'efficacia del metodo Ponseti nella nostra struttura ed analizzare la sua evoluzione in 12 anni.

Materiali e Metodi

Abbiamo considerato una successione di 400 pazienti trattati dal medesimo chirurgo ortopedico tra il 1997 e il 2009. È stato realizzato uno studio retrospettivo su 611 piedi torti. Abbiamo incluso solo casi idiopatici [=in cui il piede torto è isolato, non è associato a patologie più gravi], mentre sindromici e casi trattati precedentemente con release postero mediale sono stati esclusi.

Risultati

Abbiamo considerato 611 piedi torti (120 femmine/280 maschi).
Età media di inizio 11 settimane (da 3 giorni a 42 mesi; 47 pazienti con più di 6 mesi).
72 pazienti erano stati precedentemente trattati senza successo.
24 pazienti possono essere classificati come piedi torti atipici. 

Il  tempo necessario ad ottenere la correzione, escluso il gesso post tenotomia, è stato di 20,46 giorni (3,49 gessi), ma abbiamo preso in considerazione gli ultimi 100 pazienti (effetto training [=miglioramento dovuto all'esperienza]) e abbiamo ridotto il tempo a 2,78 gessi (16,40 giorni).

La tenotomia [percutanea, non invasiva] è stata eseguita nell'89,75% dei casi (negli ultimi 100 pazienti 96%).
In totale hanno recidivato 50 piedi torti (12,5%), 4 pazienti degli ultimi 100 [quindi la percentuale si è abbassata al 4%, con la maggiore esperienza del medico], 13 casi hanno avuto bisogno di una seconda tenotomia, 41 casi (10,25%) hanno avuto bisogno di una trasposizione del tendine tibiale anteriore [intervento con controindicazioni nettamente inferiori all'intervento chirurgico tradizionale].

Quando abbiamo comparato il tempo di correzione e il tasso di tenotomia e recidiva tra i 100 iniziali e gli ultimi 100 pazienti, abbiamo trovato significative differenze statistiche. 

Nessun intervento di release postero mediale è stato eseguito per correggere deformità residue.

Conclusioni

- Questa è una delle maggiori casistiche pubblicate sull'efficacia del metodo Ponseti nel piede torto idiopatico, con un tasso di chirurgia estensiva [=correzione con interventi chirurgici invasivi] dello 0%.
- Il metodo è risultato efficace in pazienti con età superiore ai 3 anni.
-Ci sono differenze nei risultati tra i primi pazienti e gli ultimi, il che significa che è necessaria una curva di apprendimento [=evoluzione dell'apprendimento del metodo nel tempo] per ottenere una correzione più veloce e che il protocollo di uso del tutore è importante per prevenire le recidive.


Qui il testo originale:

Title

Results and evolution of the Ponseti Method in 400 consecutive patients with idiopathic clubfoot.

Drs . Ey Batlle, Anna; Minguez, Paula; Vilalta Vidal, Imma ;  Stitzman , Melisa
Hospital Sant Joan de Déu . Barcelona  (Spain)

Aim and Introduction

The Ponseti Method is considered nowadays as the gold standard treatment in clubfoot, offering the highest index of corrections without extensive surgeries. The corrections Index in different series is near 100%.
The aim of our study is to evaluate the efficacy of the Ponseti Method in our institution and to analyze its evolution in 12 years.

Material and  Method

We have evaluated 400 consecutive patients treated by the same orthopaedic surgeon between 1997 and 2009. A retrospective study of 611 patients has been performed.
We have included only idiopathic cases, syndromic and cases with previous Postero-medial releases has been excluded.

Results

We analyzed  611 clubfeet (120 female/ 280 male).
Mean age at the beginning 11weeks (3 days to 42 months)  (47 patients are older than 6months).
72 patients have had a previous ineffective treatment.
24 patients can be considered as complex clubfeet.

The time to get correction was, excluding post tenotomy cast, was  20,46 days (3,49 casts) but we have analyzed  the last  100 patients (training effect) and we have reduced the time to  2.78cast (16.40 days).

The tenotomy was performed in  89.75% ( in the last 100 patients 96 %).

A total of 50 clubfeet relapsed (12.5%) 4 patients of the last 100 patients, 13 cases needed a second tenotomy,  41 cases (10.25 %) needed an Anterior tibialis tendon transfer. 

We we have compared the time for correction and the index of tenotomy and relapse between the 100 initial patients and the 100 lasts patients, we have found stadistically significative differences.
None posteromedial releases have been performed to correct residual deformities.

Conclusions

-This is one of the largest series reported about the efficacy of Ponseti Method in idiopathic clubfeet. With an Index of extensive surgeries of 0%.
-The method has been effective in patients older than 3y.
-There are differences in the results between the first patients and the lasts, than means that a learning curve is necessary to get a faster corrections and the protocol in braces is important to prevent relapses.
 


Per confrontarsi con altri genitori su questi argomenti:

Non chiediamo soldi, solo di aiutarci con la vostra firma. Per firmare non è necessario fare donazioni (i soldi comunque non vanno a noi, ma al sito che ospita la petizione).