28/10/16

LA STORIA DI DAVIDE


Davide alla nascita

Alessandra è la mamma di Davide, nato il 17 giugno 2016 con il piede sinistro torto. La loro storia inizia alla nascita del bambino...
I gessi
Nonostante la morfologica eseguita in gravidanza, abbiamo scoperto del piedino solo dopo il parto, e siamo stati indirizzati da un ortopedico di Catania, a detta di molti "il migliore", che ha diagnosticato al mio bimbo un piede torto grave di terzo grado, da trattare secondo il metodo Ponseti.
Il percorso che ci ha prospettato prevedeva l'applicazione di 5/6 tipologie di gesso, con la specifica che per ogni tipologia sarebbero stati eseguiti più gessi, per un totale di 6 mesi; in seguito il bambino sarebbe stato sottoposto a tenotomia in anestesia totale.
Il medico ci ha esposto i fattori di rischio e le problematiche cui sarebbe andato incontro il bimbo: 20% di rischio di recidiva, piede più corto di due misure, polpaccio visibilmente più piccolo...
La tenotomia percutanea
Nello sconforto più totale mi sono buttata alla ricerca di maggiori informazioni su Internet e mi sono imbattuta nella storia di Isabella, che in soli dodici giorni ha visto il piedino del suo piccolo perfettamente corretto grazie alla dottoressa Ey di Barcellona. L'ho contattata e mi ha aperto alla speranza che il mio bimbo non dovesse passare l'inferno che mi prospettavano qui a Catania.
Grazie poi a Silvia Ghigna dell'Associazione Nazionale Piede Torto e alla disponibilità della dottoressa Ey, ho ottenuto l'appuntamento per il 2 agosto e sono volata a Barcellona.
Con tre gessi e in soli tredici giorni il piedino è stato corretto dalle magiche mani della dottoressa. Il tredicesimo giorno è stata eseguita la tenotomia in percutanea con anestesia locale (una semplice cremina sul piedino) e il bimbo tra le mie braccia.
Il piedino corretto.
Adesso il mio cucciolo porta il tutore e durante l'ora di libertà è una gioia vedere il suo piedino perfettamente identico all'altro. Non ringrazierò mai abbastanza la dottoressa Ey, non solo per la sua grande professionalità, ma anche per la dolcezza con cui ha curato Davide e per l'umanità con cui ha supportato i suoi genitori.
Un grosso ringraziamento anche a Silvia Ghigna e a Isabella, un'altra mamma del gruppo di Facebook, per tutto quello che hanno fatto per me e per Davide. Spero di poter fare anch'io lo stesso per le altre mamme che iniziano ora quest'avventura.


Per confrontarsi con altri genitori su questi argomenti:


Non chiediamo soldi, solo di aiutarci con la vostra firma. Per firmare non è necessario fare donazioni (i soldi comunque non vanno a noi, ma al sito che ospita la petizione).